CONTRATTI DI RETE MISTI TRA IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI: I CHIARIMENTI DEL MINISTERO

CONTRATTI DI RETE MISTI TRA IMPRENDITORI E PROFESSIONISTI: I CHIARIMENTI DEL MINISTERO

Il MISE comunica che è possibile costituire contratti di rete misti che prevedano tra i retisti non solo imprese, ma anche lavoratori autonomi non iscritti al Registro imprese a condizione che si tratti di reti dotate di soggettività giuridica, c.d. “Reti soggetto”.

Infatti, solo tramite tale fattispecie viene rispettata la disposizione normativa che prevede che del contratto di rete ne venga data pubblicità. Nel caso di costituzione di una Rete contratto la pubblicità è assolta tramite iscrizione del contratto nella posizione del Registro imprese di ogni imprenditore.

L’iscrizione del contratto non è possibile per il professionista, in quanto privo di posizione presso il Registro imprese.
Nel caso di Rete soggetto, proprio perché dotata di autonoma soggettività, l’iscrizione autonoma della rete al Registro delle imprese, e non nelle singole posizioni delle imprese retiste, consente di costituire e dare pubblicità al contratto misto, stipulato tra imprese e professionisti.
Alla luce dei chiarimenti forniti, è da ritenersi superato il precedente parere del Ministero dello sviluppo economico che prevedeva la costituzione di contratti di rete solo tra imprese.

Pubblicato da: Stella Alfieri

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.