INCENTIVI PER GIOVANI E DONNE: RIAPERTO LO SPORTELLO DEL BANDO ON – OLTRE NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

INCENTIVI PER GIOVANI E DONNE: RIAPERTO LO SPORTELLO DEL BANDO ON – OLTRE NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

È stato riaperto il 24 marzo scorso lo sportello per la presentazione delle domande di giovani e donne che vogliono avviare nuove imprese su tutto il territorio nazionale, attraverso agevolazioni con finanziamenti a tasso zero e contributi a fondo perduto.

È stato infatti pubblicato il decreto del Ministero dello sviluppo economico che rifinanzia con 150 milioni di euro, la misura “Oltre Nuove imprese a tasso zero” che punta a sostenere la creazione e lo sviluppo di micro e piccole imprese composte in prevalenza o totalmente da giovani tra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età. L’agevolazione può essere richiesta da imprese che puntano a realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo.

Il bando si rivolge a micro e piccole imprese costituite da non più di 60 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione e in cui la compagine societaria sia composta, per oltre la metà numerica dei soci e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni oppure da donne.

Possono accedere anche le persone fisiche che intendono costituire una nuova impresa purché esse facciano pervenire la documentazione necessaria a comprovarne l’avvenuta costituzione entro i termini indicati nella comunicazione di ammissione alle agevolazioni.

Questi i settori coinvolti:

  • produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • fornitura di servizi alle imprese e alle persone ivi compresi quelli afferenti all’innovazione sociale;
  • commercio di beni e servizi;
  • turismo ivi incluse le attività turistico-culturali finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, nonché le attività volte al miglioramento dei servizi per la ricettività e l’accoglienza.

Due linee di finanziamento diverse a seconda se l’impresa ha meno o più di 36 mesi di vita.

  1. I programmi di investimento proposti dalle imprese costituite da non più di 36 mesi possono prevedere spese ammissibili non superiori a euro 1.500.000; nell’ambito del predetto massimale può rientrare, altresì, un importo a copertura delle esigenze di capitale circolante (da giustificare nel piano di impresa e utilizzabile ai fini del pagamento di materie prime, servizi necessari allo svolgimento delle attività dell’impresa e godimento di beni di terzi), nel limite del 20% delle spese di investimento.
  2. Per le imprese costituite da più di 36 mesi e da non più di 60 mesi, l’importo delle spese ammissibili non può essere superiore a euro 3.000.000.

Le agevolazioni sono concesse sulla base di una procedura valutativa con procedimento a sportello.

Previsto sia il finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di dieci anni, e di contributo a fondo perduto, per un importo complessivamente non superiore al 90% della spesa ammissibile; sia il fondo perduto del 20% per le imprese costituite da non più di 36 mesi, del 15% per le altre.

Il contributo è riconosciuto per le spese relative a macchinari, impianti ed attrezzature, programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, brevetti e licenze d’uso.

Qualora le risorse stanziate non sia sufficienti per la copertura delle domande di aiuto pervenute, il ministro Giancarlo Giorgetti ha già stabilito di finanziare ulteriormente la linea di intervento dedicata al sostegno dell’imprenditoria femminile con 100 milioni di euro del PNRR.

PER INFO E PREDISPOSIZIONE DELLA DOMANDA: CNA terr.le Fermo, 0734600288

Pubblicato da: Stella Alfieri

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.